TECARTERAPIA AL GINOCCHIO: QUANDO FARLA?

TECARTERAPIA AL GINOCCHIO: QUANDO FARLA?

Tecarterapia al ginocchio a Centocelle, Prenestino, Roma.

Tecarterapia al ginocchio a Centocelle, Prenestino, Roma.

A cosa serve la tecarterapia al ginocchio?

La tecarterapia al ginocchio è in grado di trattare con efficacia le patologie dolorose infiammatorie che coinvolgono le ossa e le articolazioni del ginocchio, nonché del compartimento muscolare: così, in funzione della problematica da trattare, l’azione può essere prevalentemente mirata alle fasce muscolari, al sistema circolatorio e linfatico o si può esercitare più in profondità, e dunque su articolazioni, legamenti, cartilagini e tessuto osseo.

La tecarterapia al ginocchio è particolarmente indicata in caso di:

  • lesioni del menisco.
  • artrosi mono e tricompartimentale.
  • Tendinite rotulea.
  • distorsione del ginocchio.
  • tendinite della zampa d’oca.
  • ginocchio gonfio.
  • lesioni muscolari dei muscoli flessori o estensori.
  • fratture.
  • riabilitazione post operatoria.
  • cisti di baker.
  • morbo di osgood schattler.
  • sindrome della bandelletta.

Efficacia e benefici della tecarterapia al ginocchio

Tecarterapia al ginocchio a Centocelle, Prenestino, Roma. FisioMedica IGEA.Quando si esegue un trattamento di tecar al ginocchio riscontriamo un’alta efficacia fin dal primo trattamento, ottenendo un grande rilasciamento muscolare e un effetto termico che penetra in profondità nell’articolazione, agendo di fatto in maniera terapeutica e specifica su tendini e legamenti, oltre a biostimolare il tessuto grazie ad un afflusso supplementare di sangue su tutte le strutture e quindi favorendo una naturale guarigione che migliora le tempistiche fisiologiche facendo spesso gridare al miracolo per una guarigione più veloce. Soprattutto nello sport tale esperienza rappresenta un valore aggiunto quando uno sportivo ha sempre fretta di guarire per tornare in azione! I vantaggi e i benefici della tecarterapia al ginocchio sono diversi e innumerevoli. Partiamo dalla vibrazione indotta dalla tecar, che può apportare benefici a livello biologico e cellulare.

In questo caso, si parla di un beneficio:

  • STIMOLANTE: nei processi traumatici e degenerativi.
  • DRENANTE: nelle patologie estetiche e infiammatorie.
  • RILASSANTE: per la muscolatura.
  • ANTIDOLORIFICO: in tutte e tre le precedenti situazioni.

Entrando più nel dettaglio, possiamo dire che gli altri benefici della tecar al ginocchio sono di migliorare:

  • L’equilibrio di membrana di tutte le cellule presenti nell’area trattata.
  • Il deflusso venoso linfatico, con l’espulsione di tossine e la successiva riduzione dell’infiammazione.
  • L’afflusso arterioso, con l’apporto di ossigeno e di sostanze nutritive, con la conseguente riduzione delle tensioni muscolari.

Quando ricorrere alla tecarterapia al ginocchio?

Tecarterapia al ginocchio a Centocelle, Prenestino, Roma. FisioMedica IGEA.Le patologie per le quali ricorrere ad una tecarterapia al ginocchio sono molteplici, ma si possono ricondurre a quattro principali:

Tecar nell’Artrosi del Ginocchio. L’artrosi di ginocchio è una patologia degenerativa della cartilagine che si trova tra tibia e femore. La cartilagine ha la funzione di tenere distanti i due capi articolari fungendo da cuscino, ma quando si danneggia o presenta delle lesioni si genera un processo infiammatorio che coinvolge tutto il ginocchio, la sinovite. Le ginocchia dei Pazienti con artrosi si presentano nella maggior parte dei casi con deformità. È importante sapere che la tecarterapia nell’artrosi del ginocchio non ripara (e non fa crescere) la cartilagine, ma aiuta i tessuti molli del ginocchio a ridurre il dolore e l’infiammazione.

Tecar per i legamenti del Ginocchio. La tecarterapia è utilizzata sia per le lesioni parziali del legamento crociato anteriore che per i legamenti collaterali, sia per ridurre ematomi da traumi distorsivi del ginocchio. La tecarterapia al ginocchio non ripara e non ricostruisce i legamenti ma, per mezzo dello stimolo indotto, favorisce la cicatrizzazione e riduce l’infiammazione.

Tecar per i Menischi. Le lesioni meniscali, non chirurgiche, possono ottenere buoni risultati con la tecarterapia al ginocchio. La corrente elettrica favorisce la riduzione dell’infiammazione e quando la lesione si trova in una zona vascolarizzata favorisce la riparazione della stessa per l’effetto dell’iperemia capace di generare nei tessuti. Sia nel trattamento delle meniscopatie di tipo traumatico che di tipo degenerativo è importante il posizionamento del Paziente.

Tecar per il tendine rotuleo e condropatia femoro rotulea. La tendinopatia del tendine rotuleo è un’infiammazione del tendine rotuleo che si trova posizionato davanti al ginocchio e che unisce la rotula alla tibia.  La tecarterapia al ginocchio è molto utile nel trattamento del tendine rotuleo e della condropatia femoro rotulea.

Distorsioni. Con distorsione si intende un movimento oltre il limite fisiologico dell’articolazione, come spesso avviene per le caviglie. Nei casi più gravi può portare a lesioni, mentre si parla di stiramenti quando ci si trova di fronte a distorsioni lievi. In queste situazioni la tecarterapia al ginocchio è fondamentale per recuperare il tono muscolare e ripristinare la consueta mobilità dell’articolazione.

Quante sedute occorrono di tecarterapia al ginocchio?

Il ciclo di sedute di tecarterapia al ginocchio possono variare in base alla patologia e alla sua gravità. In linea teorica, il ciclo completo si compone di 10 sedute della durata di 15-20 minuti l’una, in sessioni di 2-3 sedute a settimana. Gli effetti benefici di una tecarterapia al ginocchio si possono valutare già dalle prime applicazioni. È importante ricordare che nella maggior parte dei casi, la tecarterapia da sola non è sufficiente ed è necessario ricorrere a terapie sinergiche per ottenere i risultati prefissati.

Effetti collaterali della tecarterapia al ginocchio

La tecar al ginocchio è generalmente una terapia sicura che non genera effetti collaterali di rilievo. Tuttavia si possono verificare, soprattutto dopo le prime sedute, degli effetti paradosso, che possono causare piccoli problemi al Paziente ed è quindi utile parlarne.

Gli effetti più rilevanti sono tre:

Ustioni: è una situazione molto rara, ma si può verificare proprio in virtù del fatto che la tecarterapia utilizza la radiofrequenza. Il corpo del Paziente si trova all’interno di un circuito formato da un elettrodo attivo e una piastra passiva. Se la potenza non è controllata ed è alta può accadere che si ustioni la pelle localmente, presentandosi anche una bolla d’acqua. Il fisioterapista ha quindi il compito di tenere sotto controllo la potenza utilizzata adeguandola alle esigenze e alla sensibilità del singolo Paziente.

Gonfiore: uno degli effetti benefici della tecarterapia è quello di drenare meccanicamente i liquidi. Se però gli elettrodi vengono sistemati in modo errato e non seguono le giuste diagonali si può verificare gonfiore nelle zone precedenti e successive alla zona trattata. Questo può avere effetto tensivo sulle articolazioni.

Aumenta il dolore: la tecarterapia che viene usata proprio per togliere il dolore può, soprattutto dopo le prime sedute, provocarne l’aumento. Avviene in particolare per le grandi articolazioni al livello delle capsule articolari.

Devi fare un ciclo di sedute di tecarterapia al ginocchio a Centocelle, Prenestino, Roma?

Per una buona riuscita del percorso fisioterapico è fondamentale rivolgersi sempre a strutture sanitarie professionali come il Centro FisioMedica IGEA, specializzato in fisioterapia e riabilitazione che si avvale solo di personale esperto e aggiornato sulle migliori procedure sanitarie.

Per maggiori informazioni sulla tecarterapia al ginocchio potete contattarci al numero 06.45.777.400 o recarvi di persona presso il nostro Centro, sito a Roma in Via Giacomo Bresadola 45 zona Centocelle, facilmente raggiungibile mediante Metro C o limitrofi di Roma Est, Prenestino, Casilina, Collatina, Allessandrino e Quarticciolo.

Prenota online

Gli specialisti del centro FisioMedicaIGEA ti aiuteranno a soddisfare le tue esigenze.