INFIAMMAZIONE DEL TENDINE SOTTOSCAPOLARE

Infiammazione del Tendine Sottoscapolare, Centro FisioMedica IGEA.

INFIAMMAZIONE DEL TENDINE SOTTOSCAPOLARE

Infiammazione del Tendine Sottoscapolare, Centro FisioMedica IGEA.Pur non essendo frequente, l’infiammazione del tendine sottoscapolare va individuata precocemente, trattata seriamente ed in maniera tempestiva. Per intervenire con una terapia adeguata, il primo passo da fare è sottoporsi ad un’accurata diagnosi per trovare conferma della lesione già ai primi sintomi. Ti raccomandiamo di non rimandare la visita ortopedica e gli esami diagnostici strumentali perché il tendine sottoscapolare ha una funzione importante: contribuisce al meccanismo cinematico della spalla.

Il muscolo sottoscapolare è essenziale nella rotazione interna, nei movimenti di adduzione e abbassamento dell’omero e nella stabilizzazione della testa omerale sulla glena (in anatomia, la cavità articolare di un osso, nella quale si adagia la testa di un altro osso che può muoversi in vari sensi, come in una articolazione). Una sua disfunzione può creare squilibri nella coordinazione compromettendo l’interazione con i muscoli sovraspinato, infraspinato e piccolo rotondo. Se il tendine sottoscapolare s’infiamma e non si corre subito ai ripari, a lungo andare il tendine stesso potrebbe subire ulteriori danni rischiando di lesionarsi fino a rompersi.

Un cenno di anatomia: dov’è il tendine del sottoscapolare e a cosa serve

Il muscolo sottoscapolare è un importante muscolo della spalla, che si trova, come dice il nome stesso, sotto alla scapola. Da sotto alla scapola si estende fino alla testa dell’omero, e così contribuisce ai movimenti della spalla, in particolare ai movimenti di:

  • rotazione interna (movimento tipo “braccio di ferro”);
  • adduzione (portare il braccio verso il fianco).

Il sottoscapolare è un “membro” di un gruppo di muscoli molto famoso (famoso soprattutto per i problemi associati), chiamato “cuffia dei rotatori”. Questo gruppo di muscoli si chiama così perché i tendini dei muscoli che ne fanno parte avvolgono la testa dell’omero come se fossero una cuffia. La cuffia dei rotatori, di cui il sottoscapolare fa parte, svolge il fondamentale compito di stabilizzare la testa dell’omero durante i vari movimenti del braccio, soprattutto in quei movimenti dove il braccio si alza oltre i 90 gradi. La spalla è infatti un’articolazione molto mobile, ma proprio perché è molto mobile è anche molto INSTABILE: ecco perché necessita del lavoro instancabile della cuffia dei rotatori per mantenere la stabilità. I muscoli della cuffia dei rotatori non sono però così instancabili, ed è per questo che i loro tendini si possono infiammare, usurare o lesionare. I problemi del sottoscapolare, di cui stiamo parlando, fanno parte di queste condizioni.

Cosa succede quando il tendine del sottoscapolare si infiamma?

Quando il tendine del sottoscapolare si infiamma, o peggio si lesiona (il che può essere il risultato di multiple infiammazioni) il sintomo principale è sicuramente il dolore alla spalla. Il dolore alla spalla da infiammazione o lesione del sottoscapolare può comparire durante i movimenti oppure a riposo, e non è raro che compaia di notte. Non esiste un “punto tipico” nel quale si avverte il dolore del sottoscapolare: nella spalla spesso il dolore è diffuso, e non è raro avvertirlo in un punto lontano rispetto a quello di origine. Nella lesione o infiammazione del sottoscapolare è comunque abbastanza frequente che il dolore sia nella parte anteriore della spalla. Anche parlando di “movimenti critici”, non esiste la possibilità di fare un’affermazione tipo “se hai dolore in questo movimento è perché ha una infiammazione del tendine del sottoscapolare”. Tuttavia, nei problemi del sottoscapolare, è frequente che il movimento critico siano le rotazioni, in particolare la rotazione interna, ovvero il movimento che si fa quando si porta la mano dietro alla schiena.

L’infiammazione del tendine sottoscapolare: cause

Nella maggioranza dei casi, l’infiammazione del tendine sottoscapolare è legata ad altri tipi di lesione (che interessano il capo lungo del bicipite e la cuffia dei rotatori) oppure ad una degenerazione dell’articolazione gleno-omerale. Potrebbe, in alcuni casi, trattarsi di una lesione isolata. Le possibili cause possono essere:

  • Traumi diretti alla spalla;
  • Movimenti ripetuti di intrarotazione o con il braccio sopra la testa, sollecitazioni eccessive, specie quando si praticano certe attività lavorative o sportive (sollevamento pesi, pallavolo, basket);
  • Processo degenerativo per invecchiamento. I soggetti più a rischio hanno un’età compresa tra i 40 ed i 70 anni;
  • Sindrome del conflitto subacromiale anteriore;
  • Cattive posture delle scapole (rigide, sempre contratte, chiuse in avanti);
  • Problemi cervicali che interessano il trapezio, uno dei principali muscoli cervicali che muove anche la scapola;
  • Frattura del trochine;Instabilità di spalla;
  • Effetti post-operatori dopo un intervento di protesi di spalla;Immobilizzazione forzata, ad esempio in caso di ingessatura del braccio;
  • Disturbi del metabolismo (tiroide) e alimentazione.

Sintomi

La sintomatologia varia in base all’origine dell’infiammazione, ovvero se la lesione è associata ad altre problematiche della spalla oppure se è isolata. I sintomi tipici, in linea generale, sono:

  • Dolore costante alla parte anteriore della spalla, innescato dai movimenti di elevazione e intrarotazione del braccio, che si manifesta soprattutto di notte. Il dolore può irradiarsi dalla spalla al braccio e verso il collo per utilizzo scorretto o cattive posture;
  • Debolezza muscolare, in particolare nel movimento di intrarotazione;
  • Limitazione funzionale, mobilità ridotta dell’articolazione della spalla (in rotazione esterna e in abduzione);
  • Crepitio o sensazione rumorosa durante il movimento della spalla, in certe posizioni.

Talvolta, il dolore può non essere legato alla lesione ma all’attivazione di un trigger point. Quando la lesione è cronica o importante, il problema della spalla dolorosa diventa invalidante anche a riposo.

Diagnosi

In caso di dolore costante e prolungato, è necessario rivolgersi al medico per eseguire tutte le indagini diagnostiche del caso. Spesso, il soggetto prenota un’ecografia senza consultare il medico. Sappi che, in questo caso, l’ecografia non è l’esame più attendibile, considerando oltretutto che l’infiammazione del tendine sottoscapolare è una condizione non solo abbastanza rara ma anche difficile da individuare. Ti consigliamo di rivolgerti ad uno specialista per una visita accurata comprensiva di anamnesi ed esame obiettivo con test specifici (test di Gerber e Napoleon test). In caso di sospetta infiammazione del tendine sottoscapolare, il medico ortopedico ti prescriverà i seguenti esami diagnostici strumentali:

  • Radiografia standard;
  • Risonanza Magnetica Nucleare, l’esame più affidabile, da cui ottenere maggiori dettagli per individuare le dimensioni della lesione tendinea;
  • Artroscopia, la tecnica più accurata, in grado di evidenziare lesioni difficili da individuare con altre indagini diagnostiche.

Lesione parziale del tendine sottoscapolare: terapia conservativa

In caso di infiammazione e lesione parziale non grave del tendine sottoscapolare, si opta per la terapia conservativa che prevede:

  • Riposo assoluto;
  • Utilizzo di un tutore;
  • Applicazione di ghiaccio più volte al giorno (per 15-20 minuti ciascuna);
  • Assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e analgesici per un breve periodo e solo dietro prescrizione medica;
  • Infiltrazione di anestetico o antinfiammatorio se i farmaci per uso orale non sono sufficienti a combattere il dolore;
  • Tecarterapia;
  • Laser Yag ad Alta Potenza;
  • Onde d’urto (in caso di calcificazioni), la terapia d’elezione che oltre a risolvere infiammazione e dolore stimola la formazione di nuovi vasi sanguigni (neoangiogenesi).

Una volta risolto il dolore, si passerà ai seguenti trattamenti manuali e riabilitativi:

  • Terapia manuale eseguita dal Fisioterapista (massaggi, manovre e manipolazioni finalizzate a liberare l’articolazione e rinforzare la spalla lesionata;
  • Esercizi terapeutici (eccentrici, di allungamento del trapezio, del pettorale, di sollevamento sul piano scapolare, di mobilità passiva e attiva della spalla e rinforzo muscolare). Questa serie di esercizi terapeutici serviranno a riportare in equilibrio i muscoli. Non si improvvisano, devono essere eseguiti su indicazione ed in presenza del terapista sia per evitare movimenti dannosi che possono peggiorare la situazione sia per accelerare i tempi di recupero e la guarigione.

Quando è necessario ricorrere all’intervento chirurgico?

In caso di lesione totale, di rottura del tendine sottoscapolare, è inevitabile la terapia chirurgica per ripristinare del tutto la biomeccanica funzionale della spalla. Le tecniche chirurgiche utilizzabili sono due:

  • A cielo aperto, con taglio di cute;
  • Artroscopia, eseguita in day surgery, la tecnica mini invasiva attualmente più utilizzata per suturare il tendine rotto, rimuovere la borsa infiammata ed eventuali osteofiti e, se necessario, levigare la superficie dell’acromion.

FisioMedica IGEA: il tuo Centro Medico di Fiducia

Hai una domanda? Chiamaci ora!

Per maggiori informazioni potete contattarci al numero 06.45.777.400 o recarvi di persona presso il nostro Centro Medico, sito a Roma in Via Giacomo Bresadola 45 zona Centocelle, facilmente raggiungibile mediante Metro C o limitrofi di Roma Est, Prenestina, Casilina, Collatina, Allessandrino e Quarticciolo.

Fisioterapia e Riabilitazione

Un’ampia offerta di servizi terapeutici e riabilitativi, 480 mq di struttura accogliente, per un progetto innovativo di recupero e rimessa in Salute. Una Equipe di Professionisti sempre aggiornati per progetti fisioterapici e riabilitativi individuali e pluridisciplinari.

Il testo presente in queste pagine è solo a scopo informativo. Non sostituisce in alcun caso il consiglio medico professionale, in quanto potrebbe non rappresentare la situazione di chi consulta queste pagine web. Non utilizzare queste informazioni per diagnosticare o trattare un problema di salute senza consultare un medico.